Las Vegas Sands Si Difende Da Una Querela Da 12 Miliardi Di Dollari A Macao

Nella saga che è in corso e che sarebbe assolutamente interessante per qualsiasi aspirante sceneggiatore, il principale contabile di Las Vegas Sands ha dichiarato di recente a un tribunale di Macao che il presunto valore di una querela presentata nel 2019 e risalente ad azioni e decisioni fin dal 2001 è “esagerato” e ingiustificato dal punto di vista contabile.

La Asian American Entertainment Corp Ltd dell’uomo d’affari taiwanese Marshall Hao chiede un risarcimento di 12 miliardi di dollari tramite un tribunale civile di Macao per il periodo che va dal 2004 al 2018.

La disputa risale al 2001, quando la mecca asiatica del gioco d’azzardo di Macao era in fase di transizione dalla famiglia Ho che lì deteneva il monopolio su tutto il gaming a un ambiente competitivo multinazionale robusto e regolamentato con colossi mondiali come MGM e Las Vegas Sands in competizione per il redditizio mercato cinese del gioco d’azzardo.

Secondo la dottrina separata ma connessa o Un Paese, Due Sistemi del Partito Comunista Cinese, il gioco d’azzardo è severamente vietato ai cittadini tranne che nell’ex enclave portoghese di Macao.

Il Pcc Incassa Una Parte Delle Entrate

Nei dieci anni prima che Portogallo e Cina firmassero la Dichiarazione congiunta Cina-Portogallo nel 1987, cedendo la penisola alla Cina entro il 1999, e fino al rilascio di diverse concessioni nel 2002, Macao era uno dei luoghi più selvaggi del mondo.

Stanley Ho Hung Sun è stato il re di Macao per quattro decenni.

Quando Macao è stata legalmente restituita alla Cina, hanno deciso che sarebbe stata una buona idea continuare a dare ai cittadini la possibilità di avere un luogo di gioco d’azzardo locale dove le persone potessero divertirsi e sfogarsi – ma senza influenzare i “buoni cittadini” sulla terraferma – e – allo stesso tempo incassare le enormi entrate dai proprietari dei casinò.

Las Vegas Sands decise che voleva entrare a far parte di quel mercato, ma aveva bisogno di connessioni locali per mettere in moto il meccanismo.

Entrano quindi in scena Marshall Hao e Asian American Entertainment Corp Ltd.

Un Vantaggio Greenfield

In poche parole, Hao sostiene che la sua società aveva stretto un accordo con LVS, che aveva esperienza nel settore del gaming e dell’ospitalità. Sembrava un matrimonio ideale.

Tuttavia, secondo i documenti del tribunale e il rapporto originale di GGRASIA nel corso degli anni, pochi giorni prima dell’appalto delle concessioni, che alla fine sono valsi centinaia di miliardi di dollari in due decenni, LVS cambiò idea e si accordò con un’altra società locale, Galaxy Casino anche se quel partner non aveva nessuna esperienza dimostrabile nel settore del gaming.

Il resto, come si suol dire, è storia.

Hao è stato lasciato a mani vuote? Tutte le sue affermazioni sono veritiere? La testimonianza più recente della contabilità di LVS è una prova che il caso potrebbe finalmente giungere a una conclusione ed è solo questione di quanto, per che cosa?

Non lo sappiamo.

Troviamo qualcosa di simile forse.

In Passato Sands Ha Risolto Cause Simili

All’inizio del 2019, dopo aver perso la causa due volte davanti a giurie e giurie, ciascuna delle quali ha assegnato indenizzi più grandi, LVS ha trovato un accordo stragiudiziale con l’uomo d’affari cinese Richard Suen dopo un decennio e mezzo di dispute legali tra LVS e Round Square Co Ltd di Suen. Suen affermava che aveva organizzato incontri tra il fondatore da poco deceduto di Sands ed ex CEO Sheldon Adelson e i funzionari del governo cinese responsabili della concessione del permesso di aprire una struttura a Macao.

Tra le affermazioni dell’AEECL c’è che la presentazione dell’offerta di LVS era stata copiata parola per parola e offerta da Galaxy (la licenza originale di LVS era una sub-concessione di Galaxy), ma l’hanno scoperto solo quando gli avvocati di Hao hanno messo le mani su entrambi i documenti e li hanno confrontati per la prima volta.

L’offerta era così unica e innovativa che è stata redatta nella sicurezza di Hong Kong e si è spostata solamente insieme a diverse guardie del corpo per mantenere la sicurezza delle informazioni.

Secondo GGRASIA, nella causa intentata da Hao contro Sands nel tribunale del Nevada nel luglio 2014 viene dichiarato: “Anche se l’AAECL sospettava che i rappresentanti di LVS Adelson, Weidner e Friedman avessero divulgato alcuni aspetti della joint venture che dovevano essere tenuti riservati, l’AAECL non ha mai ha pensato all’effettiva presentazione dell’offerta AAECL e a tutte le sue informazioni altamente proprietarie, compresi gli impegni di capitale del progetto, i piani di sviluppo che includono fasi e costi, l’idea all’avanguardia di resort temporanei, ricerche e analisi di mercato specifiche, idee di marketing, modelli di business e l’uso di architetti specifici, erano state date a Galaxy.”

La causa sostiene inoltre che l’accesso di Hao al capitale in quel momento era critico, aggiungendo: “Era risaputo che durante questo periodo di tempo LVS aveva notevoli problemi finanziari, affrontava grandi perdite per quanto riguarda le sue attività legate a Las Vegas, e non disponeva di alcun capitale proprio o alcun accesso al capitale per investire nella joint venture di AAECL”.

Fonte: Richiesta di 12 miliardi di dollari USA per la licenza ingiustificata di LVS Macau raccontata dal tribunale, GGRASIA, 15 ottobre 2021

The post Las Vegas Sands Si Difende Da Una Querela Da 12 Miliardi Di Dollari A Macao appeared first on Casino News Daily.

FantasyTeam VERIFICA
BONUS BENVENUTO DEL 50% FINO A 25 EURO
Betfair VERIFICA
10€ AL DEPOSITO + €200 DI BENVENUTO
GoldbetR VERIFICA
BONUS PER TE FINO A 160€