PokerStars perde una causa legale nel Kentucky e deve pagare 1,3 miliardi di dollari di danni

La scorsa settimana la Corte Suprema del Kentucky ha posto fine a una battaglia legale durata quasi un decennio tra lo stato e PokerStars, stabilendo che il gigante del poker online deve pagare allo stato del Kentucky un totale di quasi 1,3 miliardi di dollari di danni per aver offerto servizi di gioco d’azzardo online illegali ai residenti dello stato.

La sentenza della Corte Suprema, emessa lo scorso giovedì, ha confermato la sentenza della Franklin Circuit Court del 2015.

Lo stato ha chiesto che gli venissero pagati 300 milioni di dollari di danni da PokerStars che l’operatore di poker ha incassato dai residenti del Kentucky che hanno giocato a poker con esso tra il 2007 e il 2011. La Franklin Circuit Court ha triplicato tale importo, imponendo a PokerStars di pagare quasi 900 milioni di dollari.

L’operatore di poker ha presentato ricorso contro l’ordinanza presso la Corte d’appello del Kentucky e quella corte ha annullato nel 2018 la sentenza emessa dal tribunale di grado inferiore.

La Corte d’Appello aveva stabilito due anni fa che lo stato non aveva il diritto di presentare un reclamo contro PokerStars e che non poteva identificare individui con una reputazione che hanno perso soldi giocando a poker su PokerStars.

Secondo le leggi del Kentucky, le scommesse sulle corse di cavalli e la lotteria statale sono le uniche forme di gioco d’azzardo consentite. Tuttavia, PokerStars ha offerto i servizi per diversi anni ai giocatori di poker online locali prima che fosse bandito del tutto dagli Stati Uniti nell’aprile 2011.

La Corte Suprema capovolge la sentenza originale

Nella giornata d giovedì la Corte Suprema del Kentucky ha annullato la sentenza originale contro PokerStars e ha archiviato il caso avviato nel 2018. Con una decisione 4-3, la corte ha ripristinato quella sentenza originale e ha aumentato l’importo dei danni dovuti dall’operatore di poker online a 1.3 miliardi di dollari a causa degli interessi accumulati negli anni.

Il giudice Samuel T. Wright ha redatto l’opinione della maggioranza della corte. La sentenza diceva che il Kentucky aveva il diritto di presentare la sua richiesta e chiedere il recupero “degli innumerevoli dollari che l’associazione criminale è costata al Kentucky collettivamente e ai Kentuckiani individualmente”.

Il giudice Wright ha scritto che “il denaro inviato a conti di gioco offshore è perso e lo stato privato delle tasse a cui ha diritto”.

Il governatore del Kentucky Andy Beshear ha accolto con piacere la sentenza della Corte Suprema, affermando che il risarcimento di 1,3 miliardi avrebbe dato una mano allo stato per “superare questa dolorosa pandemia”.

PokerStars è attualmente di proprietà di Flutter Entertainment dopo che questa primavera si è unita con l’ex società dell’operatore di poker The Stars Group. Riguardo la sentenza della scorsa settimana in Kentucky, Flutter ha affermato che ci sono “una serie di procedimenti legali ancora disponibili” e che è fiducioso che “qualsiasi importo che alla fine sarà tenuto a pagare” sarà solo una piccola parte di quanto la Corte Suprema ha sancito che PokerStars debba pagare.

The post PokerStars perde una causa legale nel Kentucky e deve pagare 1,3 miliardi di dollari di danni appeared first on Casino News Daily.

Codere casino VERIFICA
BONUS BENVENUTO CASINÒ 100% FINO A 200€
PlanetWin casino B VERIFICA
Fino a 1050€ di bonus sul casinò!
Sisal casino VERIFICA
BONUS PROGRESSIVO CASINO FINO A 1005€