L’ADM Italiana Implementa Nuove Regole sui Bonus dei Bookmakers e sugli Errori

L’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli (ADM) italiana ha annunciato che, a partire dal 1° giugno 2024, verranno applicate nuove normative sulla gestione dei bonus dei bookmakers e sulla gestione degli errori palpabili. Questo intervento risolve due aree di contesa che esistono fin dal lancio del mercato regolamentato nel 2006.

Nuove Normative sulla Gestione dei Bonus

L’ADM ha stabilito regole definitive attraverso un decreto specifico sulla Gestione dei Bonus, delineando i criteri legislativi per l’uso pratico dei bonus. Queste linee guida coprono i termini e le condizioni, i metodi di pagamento e l’applicazione dei bonus per il “one-off” fiscale.

Le regole attuali prevedono un “limite di bonus” per i bookmakers italiani, che impedisce loro di offrire più di un bonus di €100 per cliente su una scommessa a quota fissa. Tuttavia, gli operatori hanno espresso la necessità di una metodologia chiara per calcolare il costo di questi premi bonus ai fini fiscali e di audit.

Per affrontare questo problema, l’ADM ha chiarito che “sia il bonus utilizzato che qualsiasi puntata effettuata dal giocatore saranno inclusi nel calcolo degli importi scommessi e delle vincite pagate.” Questo insediamento mira a fornire trasparenza e coerenza nel modo in cui i bonus vengono tassati.

Gestione degli Errori Palpabili

Il decreto imminente dell’ADM introduce anche un processo regolamentato per la gestione degli errori palpabili. Questi errori hanno storicamente portato a numerose dispute con i clienti, spesso risolte attraverso il sistema legale. Le nuove regole mirano a porre fine a tali contenziosi fornendo un processo di correzione sistematica.

I bookmakers sono ora tenuti a presentare una richiesta di correzione attraverso un sistema di applicazione, fornendo i dettagli dell’operatore e delle quote contestate. Una volta approvata, le quote verranno ricalcolate in base alla “media di mercato, determinata attraverso il totalizzatore nazionale.” Questo nuovo processo dovrebbe semplificare le correzioni degli errori e ridurre i conflitti legali.

Riorganizzazione del Gioco in Italia

Queste nuove normative operano indipendentemente dalla più ampia ‘riorganizzazione del gioco in Italia’ attualmente intrapresa dal governo italiano. Gli sviluppi recenti in questa riorganizzazione includono l’introduzione di licenze per concessioni online del valore di €7 milioni per un termine di nove anni, un aumento significativo rispetto alla precedente tassa di €200.000. Questo cambiamento è inteso a riflettere la dinamica del mercato dominato da grandi operatori come SNAI, Lottomatica e Flutter Entertainment.

Il Ministero delle Finanze (MEF) ha sostenuto la nuova struttura tariffaria per risolvere le dispute legali di lunga data sulle licenze e ridurre il numero di operatori attivi sul mercato. Inoltre, il MEF sta negoziando con i 20 governi regionali e i 100 comuni italiani per attuare le riforme federali relative ai locali di gioco terrestri.

Queste riforme globali dimostrano l’impegno dell’Italia a perfezionare le proprie normative sul gioco d’azzardo, garantendo un ambiente più trasparente e coerente per operatori e giocatori.

Fonte: “ADM settles Italy’s betting rules on bonus management & palpable errors”. SBC News. 30 maggio 2024.