X (Twitter) Ha Ricevuto una Sanzione di 1,35 Milioni di Euro in Italia per Aver Violato il Divieto di Pubblicità dei Giochi d’Azzardo

Il social network internazionale X, in precedenza noto come Twitter, ha ricevuto una sanzione di 1,35 milioni di euro da un’autorità italiana dopo aver violato il divieto di pubblicità dei giochi d’azzardo imposto dalle leggi del Paese.

L’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni ovvero l’ente governativo che ha l’incarico di vigilare sul settore delle comunicazioni in Italia, ha comminato una sanzione nei confronti di Twitter International Unlimited Company che è la società a cui fa capo X.

Il social network avrebbe violato il cosiddetto “decreto dignità” che è in vigore in Italia sin dal 2019. La normativa in vigore vieta qualsiasi forma di pubblicità, sponsorizzazione o comunicazione di contenuti promozionali che riguardano le scommesse sportive o i giochi d’azzardo.

L’Autorità italiana ha registrato nove violazioni da parte di account verificati sui rispettivi social network, account che pubblicizzavano siti web che offrivano servizi di gioco d’azzardo e scommesse sportive con vincite in denaro. Le motivazioni della sanzione sono strettamente correlate al segno di spunta blu presente su ciascuno dei nove account che, a detta delle autorità italiane, rendeva X responsabile delle attività di tali account.

L’Autorità ha inoltre emesso un’ordinanza di inibizione dell’accesso per due dei nove account ancora attivi sul social network. Un altro ordine di inibizione è stato adottato per tutti gli ulteriori contenuti caricati che violerebbero la normativa.

Sanzionati Altri Social Network

La decisione di comminare una sanzione ad X (Twitter) arriva a distanza di poche settimane dopo che l’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni ha deciso di sanzionare Meta, la società di proprietà di Facebook e Instagram. In tal caso la sanzione è stata pari a 5,58 milioni di euro ma il motivo era il medesimo ovvero aver pubblicizato il gioco d’azzardo.

L’autorità governativa italiana ha individuato contenuti promozionali relativi al gioco d’azzardo e alle scommesse sportive su 18 diversi profili di social network, cinque su Instagram e tredici su Facebook. Sono stati presi in considerazione altri 32 post sponsorizzati di video e immagini finalizzati a promuovere o a pubblicizzare i casinò online o i siti di scommesse sportive.

In precedenza sanzioni simili erano state comminate a Google, Twitch e YouTube. Nel mese di agosto del 2022 Google ha ricevuto una sanzione di 700.000 euro per gli annunci pubblicitari apparsi sui canali YouTube di Spike. Ad ogni modo l’autorità governativa italiana non ha precisato quali fossero gli operatori di gioco d’azzardo pubblicizzati sulla piattaforma.

Il divieto di pubblicità del gioco d’azzardo che è stato imposto in Italia nel 2019 è stato duramente contestato dalle squadre di calcio del paese dal momento che molte di loro avevano accordi di partnership con operatori di gioco d’azzardo e scommesse sportive. La legge consente ancora accordi di collaborazione per le squadre sportive ma solo se focalizzate su altri mercati (in special modo l’Asia) ma le squadre di calcio dei due maggiori campionati italiani hanno sostenuto di aver comunque perso ricavi a causa del divieto.

Fonte: “X hit by €1.35m penalty for Italian gambling ad ban breaches“. iGaming Business. 15 Marzo 2024.