Saunokee con una protesta formale per fermare l’acquisto del Caesars Southern Indiana

Un avvocato e membro della Easter Band of Cherokee Indians, ha espresso la sua opinione sulla decisione del Consiglio tribale EBCI di acquistare il casinò Caesars Southern Indiana, presentando una protesta formale.

L’importo indicato per l’acquisto del casinò è di 250 milioni di dollari. Se questa iniziativa avrà successo, sarà la prima manovra della tribù nel gaming commerciale.

L’acquisto era un’idea dei leader della tribù da diverso tempo, ma secondo Saunooke, è un atto irresponsabile e contrario all’atto. Ha aggiunto: “oltre al fatto che ritengo che questo sia un pessimo affare, mi sembra che il modo in cui è stato impostato violi l’atto della tribù, che richiede al Consiglio Tribale di controllare tutte le proprietà reali e personali della Tribù” .

Saunooke ha anche espresso la sua preoccupazione per il fatto che la tribù non avesse abbastanza soldi per acquistare il casinò. L’avvocato pensa che se l’accordo dovesse finalizzarsi, la tribù violerà la sua prescrizione spandendo il denaro.

Gli indians offrono 250 milioni di dollari per il Caesars Southern Indiana

La Eastern Band of Cherokee Indians (EBCI) ha espresso il suo interesse ad acquistare Caesars Southern Indiana nel novembre dello scorso anno, dopo che il Tribal Council ha dato l’approvazione per l’imminente accordo.

L’EBCI ha mostrato per la prima volta il suo interesse in una lettera. Secondo i termini indicati nella lettera, Caesars era obbligato a lavorare esclusivamente con i Cherokee per i 45 giorni successivi alla firma della lettera.

Saunokee afferma di essere d’accordo con la necessità di diversificazione economica. Ma secondo lui, l’acquisto del casinò non porterà i benefici che il Consiglio si aspetta che porti. Secondo le parole dell’avvocato, i 250 milioni di dollari che la tribù sta per pagare, non compreranno loro un edificio nè porteranno loro abbastanza profitti per compensare le perdite.

Saunokee afferma che il massimo che la tribù può ricavare sono circa 3 milioni di dollari oppure restituire l’intero investimento in 25 anni.

Saunooke ha spiegato che la tribù ha investito in se stessa, nelle infrastrutture al fine di fornire un ambiente migliore per i visitatori.

Saunooke ha inviato la protesta al presidente del Consiglio tribale Adam Wachacha alla fine del 2020, sperando che la presenterà alla prima sessione del Consiglio tribale dell’anno.

All’inizio di gennaio, la protesta di Saunooke è stata dichiarata non valida dal procuratore del Consiglio Carolyn West. Secondo lei, Saunooke non è una parte interessata all’accordo e “non ha incluso una dichiarazione di impatto diretto e ciò rende la protesta carente e non sarà inserita nell’agenda del Consiglio tribale”.

West ha dichiarato che la protesta di Saunooke non ha rispettato i quattro termini di qualificazione secondo il Capitolo 117 del Codice Cherokee. Di conseguenza, questo processo non è all’ordine del giorno del primo Consiglio tribale dell’anno.

The post Saunokee con una protesta formale per fermare l’acquisto del Caesars Southern Indiana appeared first on Casino News Daily.

Leo Vegas casino SCOPRI DI PIU
SUPER BONUS 1000 EURO
Betaland casino SCOPRI DI PIU
50% DI BONUS FINO A 25€ DEPOSITATI!
Snai casino SCOPRI DI PIU
BONUSSSSS CASINO 1000 EURO